martedì 20 luglio 2010

Un gatto per amico - impariamo il "gattese"


Nel tentativo di neutralizzare gli effetti del grande caldo, in questi ultimi giorni mi sto concedendo un sovradosaggio di relax, in luoghi freschi e ombreggiati.
Allo stesso modo, un gatto nero col pancino bianco, vagabondo e ramingo, sembra aver scelto l'ombra del mio cespuglio di ortensie per trascorrere le ore più calde delle ultime giornate.

L'indolenza nello sguardo del gattino, e il miagolio soffocato in risposta alle mie occhiate (più preoccupate che indagatrici) sembrano quasi un timido ringraziamento... e un sommesso:
"Ciao, mi fermo solo per un po', a sonnecchiare"...

E io, a bassa voce:
"Sì, sì, carino, puoi rimanere... purché tu non mi trasformi il cespuglio in succursale della tua lettiera!!!"


Finora non mi ha lasciato "ricordini olezzanti"... ospite discreto, a un certo punto sparisce e torna a casa...

Che abbia capito il mio messaggio? E se il suo "gattese" significasse, invece:
"Lasciami in pace, sono stremato, non vedi?"


Non lo saprò mai... ma,
pare che qualcuno abbia cercato di decodificare i comportamenti dei nostri piccoli amici tanto da pubblicare un dizionario, come si legge in questo interessante articolo di Daniela Mastromattei:



Cosa pensa il gatto del suo padrone
di Daniela Mastromattei
(pubblicato il 14 novembre 2009)
 “Dopo aver rimproverato il proprio gatto, se lo si guarda negli occhi, si è afferrati dal tremendo sospetto che abbia capito ogni parola e che la terrà a mente”. Parola di Charlotte Gray sulla “creatura indipendente, che non si considera prigioniera dell’uomo e stabilisce con lui un rapporto alla pari” (Konrad Lorenz).
Esserino dotato di classe ed eleganza, intelligente, sensibile, misterioso ed estremamente discreto, il micio ha mantenuto tutta la felinità dei suoi cugini selvaggi. Il piccolo e grazioso leone, tigre in miniatura, ha preso il posto del cane nel cuore di molte persone che lo preferiscono per la sua forte indipendenza. Il gatto, a differenza del cane, manifesta verso l’uomo una convivenza emancipata, come se volesse costantemente dirci: «Sì ti voglio bene, ma posso fare a meno di te». Oggi, oltre nove milioni di mici vivono nelle case degli italiani. Eppure spesso si ha difficoltà a stabilire subito una relazione con l’amico peloso. Per questo esce il primo dizionario bilingue per gatti e per i loro conviventi umani. Che decodifica tutti i comportamenti e le situazioni della vita quotidiana («lato umano» e «lato gatto») attraverso oltre 180 parole-chiave classificate dalla A alla Z. Il vocabolario edizione Sonda-Larousse (12,90 euro) è stato ideato dal dottor Jean Cuvelier, veterinario, e illustrato da Gilles Bonotaux, disegnatore di talento, amante degli animali. Le vignette mettono in risalto, in modo divertente, alcune situazioni con le quali tutti gli amanti dei gatti si sono confrontati almeno una volta.
Oltre 300 pagine per imparare a parlare il gattese correttamente, per capire cosa vuole dirci il nostro micio quando ci guarda con i suoi occhi sgranati, come rivolgersi a lui quando vogliamo farci ubbidire, come interpretare il suo comportamento e soprattutto per capire cosa pensa di noi?

A come acqua C come carezze
A volte il gatto si comporta in modo davvero strano. Spesso va a bere l’acqua direttamente dal rubinetto. Perché? Che gli passa per la testa. Che vuole dirci: «Qui l’acqua è decisamente migliore!». Il micio è molto esigente, spiega il veterinario nel libro, perché beva l’acqua, questa deve essere pulita e inodore. Nella ciotola, preferibilmente poco profonda ma molto larga e distante dalle crocchette, non deve cadere nessuna briciola di cibo. E a volte tira fuori le unghie. Capita che sia accoccolato tranquillamente sulle ginocchia del suo padrone e si giri improvvisamente per mordere la mano di chi lo sta accarezzando. Cos’è che pensa: «Non sopporto più le tue carezze! Villano». Questo non vuol dire che le coccole le vuole solo quando lo dice lui. Ma che il suo pelo sensibile alle troppe carezze diventa irritabile. Un po’ come se avesse una soglia massima di carezze che non può essere superata.

E come educazioneP come punizione
Non è vero che il gatto è bello ma traditore, sornione ma pronto a colpirti, seduttivo eppure in fondo anaffettivo, il felino ha una socialità complessa e articolata e il suo rapporto con l’uomo presenta ambiti e sfumature molto sottili che vanno conosciuti per poter instaurare un’amicizia profonda e autentica. Per esempio il gatto è in grado di imparare come il cane, a condizione, però di metterci arte e metodo. Quindi durante la sua educazione, se il padrone s’innervosisce nel dare un ordine, il gatto ci rimane male. Non solo. Sapete cosa pensa? «Se mi tratti con quel tono, preferisco andarmene!». Il gatto non ubbidisce al padrone perché lo considera il capo, spiega il veterinario. «Bisogna approfittare delle situazioni in cui il gatto è orientato al suo compagno, quando sta chiedendo qualcosa, per esempio il cibo». Perché una parola acquisti significato è necessario che lui l’associ a una situazione».
A volte il gatto mentre sta giocando col padrone, graffia. La reazione del padrone: abbandona il gioco e se ne va. L’amico a quattrozampe, a questo punto capisce: «Se voglio giocare con lui devo tenere a freno le unghie». L’unica vera punizione quando il micio fa qualcosa di sbagliato è togliergli qualcosa di piacevole, per esempio il gioco, l’attenzione, i bocconcini.

T come trasloco e trasportino
Il gatto vive malissimo i traslochi. Quando la tigre in miniatura si mette a graffiare mobili e a fare i bisogni sui tappeti del nuovo appartamento è davvero stressato: «Questo cambiamento di territorio non ci voleva». Per il gatto la casa è un punto di riferimento: in essa trova le sue certezze e ogni angolo gli è familiare.
E può capitare che si rifiuti di entrare nel trasportino. Ma non per fare i capricci. Sta semplicemente dicendo a gran voce: «Qui non c’è nessun odore rassicurante». Perché il trasportino diventi la sua seconda casa, spiega il veterinario, bisogna tenerlo sempre aperto e accessibile. Ci andrà regolarmente per lasciarci le proprie tracce rassicuranti. Perché, per usare le parole di Hemingway, “i gatti dimostrano di avere un’assoluta onestà emotiva”.

********** 

12 commenti:

Baol ha detto...

Mmmm...non ho animali da compagnia (ahimè) ma comunque sono canaro

:D

Anna Righeblu ha detto...

Baol, anch'io amo molto i cani, quelli delle mie amiche o dei parenti, perché io ancora non mi decido a prenderne uno.
Ho avuto un gatto però, per 18 anni e so quanto affetto può dare... e quanto mi manca...

:-)

Carmine Volpe ha detto...

hai mai letto il libro dizionario italiano - gatto, gatto italiano?

Anna Righeblu ha detto...

Carmine Volpe, no, non l'ho letto ma sono curiosa di farlo... credo che l'articolo si riferisca a quel dizionario.

Chiara ha detto...

Anna, bellissimo questo post!!!
grazie!!!!!!
sono innamorata dei gatti fin da piccolina, appena ne trovavo uno per strada, mi seguiva fino a casa ma poi doveva restare in giardino:(
da tre anni il mio adorato cricchetto è in casa con me:))) e appena è arrivato ho preso diversi libri per capire meglio i suoi comportamenti, nn avrei mai pensato di trovare un amico tanto speciale!!! è di una dolcezza infinita!!

gaetano ha detto...

Anna mi hai sorpreso per il post che hai dedicato ai gatti, in vita mia ho sempre tenuto e preferito gatti, anche se ho avuto cani intelligenti e affezionati ai gatti, so fare bene il verso del gatto in molti modi, e mi diverto di nascosto a miagolare attirando la loro curiosita', attualmente ne ho due, ed uno mi ha abbandonato per le gatte, meno male che abito in una zona di case con il cortile come se fossimo in campagna, i gatti amano il verde e la vita da cacciatori, io anche senza il dizionario riesco a capire le loro esigenze.
Ti auguro di trascorrere buone vacanze sperando che il clima migliori in refrigerio.
gaetano

Anna Righeblu ha detto...

Chiara, scusa se rispondo solo adesso. Ieri, dopo la pubblicazione dei commenti, la chiavetta per la connessione mobile mi ha... abbandonata, niente più segni di vita, forse avevo finito le ore. Oggi l'ho "ravvivata" ma è sempre un disastro... non riesco a caricare quasi nulla.
Il tuo Cricchetto è bellissimo! E sono sicura che sia anche affettuosissimo... io ancora non riesco a sostituire la mia gatta che non c'è più...
Un caro saluto a te e tante coccole al tuo Cricchetto! :-)

Anna Righeblu ha detto...

Gaetano, ho avuto una gatta, bellissima, amatissima e, per ora, insostituibile. Ultimamente, però, sto pensando di prenderne un'altra, ma penso anche a un bel cucciolo, mi pacciono molto anche i cani.
Chiedo scusa se rispondo in ritardo ... leggi la risposta a Chiara.
Un saluto :-)

Mitì ha detto...

(Buon onomastico tesoramia :-*)

Anna Righeblu ha detto...

Mitì, ti ringrazio!
...Non sono riuscita a caricare un post apposito!

Dadda ha detto...

Peccherò di superbia, ma questo bellissimo post lo sento anche un pò mio! GRAZIE Anna.
;-D un abbraccio

Anna Righeblu ha detto...

Dadda, grazie a te!
...Merito del gattino in cerca d'ombra... mi ha offerto il "pretesto" per pubblicare questo interessante articolo!
Un abbraccio :-)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails