venerdì 3 settembre 2010

L'Oste Scuro - Finsterwirt. Locale storico di Bressanone



E' uno dei locali storici più apprezzati per la calda atmosfera degli ambienti e la creatività in cucina. 
Nella zona più centrale di Bressanone, in Vicolo del Duomo,


non può passare inosservato: è sul percorso che conduce in piazza Duomo, con uno scenografico erker fiorito sulla facciata, in parte ricoperta da un verde rampicante. 


Il locale ha origine da un'antica (1743) mescita di vini del Capitolo del Duomo... come si legge all'ingresso del ristorante:

" Fin dal 1743 ha servito i vini delle decime del Capitolo del vicino Duomo.
Per rispettare la quiete la mescita doveva terminare al calar del buio e le luci esser spente.
E nacque il nome “Oste Scuro”, preferito dagli arciduchi Eugen e Franz Ferdinand d’Este.
Dipinti originali, armi e vetri antichi ornano la stube Andreas Hofer e quella vescovile.
La “Künstlerstübele” è stata fucina di pensiero degli artisti tirolesi  Defregger e Bachlechner.
La stessa famiglia lo guida dal 1904."



Al pianterreno si trova l'osteria, con una sala interna e un gradevole e tranquillo cortile alberato; al primo piano, invece, è possibile provare il ristorante,


in un ambiente elegantemente arredato.
Sempre molto frequentato, l'"Oste Scuro" propone un menu all'insegna della creatività e della tradizione sudtirolese, con sapori decisi e abbinamenti curati.

Noi abbiamo provato i piatti dell'osteria, nel cortile fresco e ombreggiato, concludendo con un ottimo dessert... una dolce sinfonia di gusti, tra cappuccino-gelato, cioccolato e morbida dolcezza d'albicocche...


Anna Righeblu - Ideeweekend

30 commenti:

Ambra ha detto...

Già il nome del locale è estremamente suggestivo. L'Oste Scuro, mi risveglia memorie medievali. Poi la sua architettura, l'arredamento molto accogliente come in tutti paesi più a nord in particolare in quelli di lingua tedesca e poi quel fantastico dessert. Fa venir voglia di andarci subito.

Madama Dorè ha detto...

Quel gelato fa venir voglia di fare un viaggio apposta per gustarlo.
L'atmosfera delle cittadine altoatesine è fantastica soprattutto a Natale!...A tra poco.

Anna Righeblu ha detto...

Ambra, è vero. Il nome ha colpito anche me, poi ho scoperto il motivo di quell'aggettivo. Scuro perché l'oste era costretto a servire il vino anche nell'oscurità, visto che non si potevano accendere le candele.
Io penso di tornarci... devo ancora provare il ristorante...

Anna Righeblu ha detto...

Madama Dorè, proverò ad organizzarmi per il periodo natalizio.
A presto

Ambra ha detto...

Interessante la storia dell'aggettivo. Ma sai anche perché non si potevano accendere le candele?

Anna Righeblu ha detto...

Ambra, l'oste non poteva accendere le candele perché la luce avrebbe rivelato, all'esterno, il protrarsi della sua attività oltre il termine consentito, il crepuscolo... Pare che, per una questione di ordine pubblico, le autorità del tempo avessero vietato alle osterie di servire vino agli avventori dopo il tramonto.

Gunther ha detto...

confermo è un ottimo ristorante tra le locande storiche, a mezzogiorno si può mangiare nel giardino c'è un menu a prezzo fisso molto curato e interessante

Anna Righeblu ha detto...

Gunther, noi abbiamo pranzato, ottimamente, proprio nel giardino interno, all'ombra di una pergola.

Annarita ha detto...

Che luoghi meravigliosi, Anna! Grazie. Sei una miniera inesauribile.

Ti auguro un buon inizio di anno scolastico.

Un abbraccio.

Annarita

Anna Righeblu ha detto...

Annarita, grazie a te per i commenti sempre affettuosi.

Abbiamo iniziato... auguriamoci un buon anno scolastico.

Un abbraccio

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie della segnalazione. Se capito da quelle parti, ci andrò.
Un saluto.
Enrico

gaetano ha detto...

Cara Anna mi piace come sai scovare dei locali veramente originali, poi sono belli pure i cenni storici, leggendo del divieto di servire da bere dopo il tramonto, io dico che si dovrebbe vietare durante il giorno per evitare incidenti, la sera si dovrebbe andare a letto, e quindi si poteva bere, perche' allora non vi erano le auto.
Avevo pensato che il nome oste scuro potesse essere stato dato perche' stava vicino alle pentole e potesse essere scuro come quei pentoloni di un tempo.
Ti saluto cara Anna, sperando di non aver pasticciato con il commento, poiche' dopo che l'avevi postato sono venuto a commentare ed ho sbagliato qualcosa che poi non ho avuto piu' tempo di rifare il commento.
gaetano

Anna Righeblu ha detto...

Lefrancbuveur, atmosfera e cucina tipica creativa, potrebbe piacerti.
Un saluto

Anna Righeblu ha detto...

Gaetano, non preoccuparti. Alcuni commenti, ultimamente, mi arrivano senza notifica e li devo pescare tra quelli anonimi.
Eh, no, l'oste non armeggiava con i pentoloni: a quei tempi, per mantenere l'ordine pubblico, c'era una specie di proibizionismo... e l'oste, di conseguenza, si era adeguato!
Un saluto

Eléonora ha detto...

Ciao Anna, tanti bacci a te e grazie per la tua gentila...

marcella candido cianchetti ha detto...

che chicca!!! buona giornata

Anna Righeblu ha detto...

Eléonora, anche a te un grande abbraccio.
Scusa se ho risposto in ritardo

Eléonora, même à toi une grande embrassade.
Éxcuse si j'ai répondu en retard

Anna Righeblu ha detto...

Marcella, posto particolare e molto accogliente!
Scusa per il ritardo...

Annarita ha detto...

Cara Anna, passo per un saluto e per augurarti un buon inizio di settimana.

Un bacione.
annarita

Anna Righeblu ha detto...

Annarita, ti ringrazio... è una settimana intensa!

Buona settimana anche a te
Baci

Lefrancbuveur ha detto...

Un salutone e a presto.
E.

Dadda ha detto...

Ciao Anna,
ultimamente sono stata latitante in rete (tutto bene comunque).
Come sempre interessantissimi i tuoi post.
Un caro saluto
Dadda

Anna Righeblu ha detto...

Lefrancbuveur, un salutone anche a te... e domanda: Voi avete problemi con blogger?

Io sì! Che fare?

Ho difficoltà a inviare commenti, anche sui vostri blog e a caricare post e immagini sui miei. Oggi sono riuscita, a fatica, a postare qualcosa su ideeweekend e, improvvisamente, sono cambiate tutte le impostazioni del modello, senza che riuscissi a ripristinarle. Ho dovuto cambiare sfondo.
Non so se riuscirò a pubblicare questo commento

Anna Righeblu ha detto...

Dadda, anch'io sono quasi desaparesida!!! Leggi la risposta precedente a lefrancbuveur e scusa per il ritardo.

Un abbraccio

Baol ha detto...

Pare proprio un bel posto eh!

mammadeglialieni ha detto...

ciao anna, leggendo qua e la i commenti ho notato che anche te hai problemi con il blog, le impostazioni, a postare foto, ecc. ecc. ho anche io lo stesso problema, per fare un post mi ci vogliono ore, e francamente non posso davvero passare 3 o 4 ore davanti al pc, spessissimo non riesco a visualizzare nemmeno le foto... un vero peccato perchè i tuoi post sono sempre splendidi, bellissimi i posti che visiti, deliziose le fotografie e...poi la chicca del dolcetto!
un bacione!

Lefrancbuveur ha detto...

Ciao Anna, è capitato anche a me. Devi solo andare in impostazioni e modificare l'editor sulla versione più aggiornata. Vedrai che ti troverai anche meglio.
ciao

Enrico

Chiara ha detto...

Ciao Anna!!
come stai? è un pò che nn ti leggo
sai il prox fine settimana andrò in Trentino e inevitabilemente penso a te e ai tuoi bellissimi post!!
baci

pdm ha detto...

E' proprio il tipo di locale che piace a me! Grazie per questa recensione.
(e che acquolina a guardare l'ultima immagine!)

Anna Righeblu ha detto...

Baol,
Mammadeglialieni,
Lefrancbuveur,
Chiara,
Pdm,

chiedo scusa per il ritardo nella risposta...

Tutto bene... qualche problema con la piattaforma ha fatto venir meno anche la voglia di postare e gironzolare tra blog. Oggi sono riuscita a ripescare e pubblicare i vostri graditissimi commenti e, dopo qualche tentativo, anche a pubblicare un post!
Vi ringrazio per i commenti e i consigli. Proverò!

Un benvenuto a Pdm :-)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails